partiti ad Agropoli per la bariera frangi-flutti

Sono partiti il 27 marzo 2006 i lavori per la realizzazione della barriera sottomarina che consentirà il ripascimento del litorale costiero di Agropoli nel tratto del lungomare San Marco. Gli interventi previsti sono 2, il primo di fronte la foce del fiume Testene andrà in direzione nord verso la torre di San Marco, il secondo di fronte a Piazza Gallo, nei pressi del Lido Aurora, andrà in direzione sud verso il porto.

I cantieri, realizzati in mare aperto, si congiungeranno a terra tramite delle passerelle su cui passeranno i mezzi che trasporteranno i massi che saranno poi depositati in mare alla profondità di 70 m. In una prima fase, fino a fine aprile, i lavori si concentreranno sui rilevamenti del fondo del mare e sulla attivazione dell’impianto del cantiere cui, al principio di maggio, faranno seguito i primi lavori di scarico di materiale in mare finalizzati alla realizzazione della barriera sottomarina. I lavori proseguiranno fino a fine maggio per interrompersi nel periodo estivo per riprendere nuovamente ai principi di settembre. La direzione dei lavori è affidata all’Ing. Paolo Turbolente dell’Acquatecno di Roma, responsabile del procedimento per il Comune di Agropoli è invece l’Arch Bilotti responsabile dell’Ufficio Lavori Pubblici. I lavori saranno eseguiti dall’ATI, vincitrice della gara, costituita dalla Ditta ICAD e dall’Ing. Vincenzo Strigari. La consegna dell’intero lavoro della barriera dovrebbe avvenire in via previsionale per il settembre del 2007. Il Sindaco Antonio Domini dichiara «L’intervento che si sta realizzando qui ad Agropoli ha pochi pari in Italia, nonché pochissimi precedenti anche storici nel mondo, riuscirà a ridare il giusto spazio al mare ed alle attività legate alla balneazione della Città di Agropoli, sarà un rilancio per l’intero settore turistico di Agropoli».